LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI PORTUALI

Rischi e pericoli per gli addetti alle attività portuali

Rischi e pericoli per gli addetti alle attività portuali
LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI PORTUALI

Il D.Lgs. 272/99 definisce la normativa in materia di salute e sicurezza dei lavoratori nelle attività portuali, mentre il D.Lgs. 271/99 invece fa riferimento all’insieme delle risorse, delle responsabilità, delle procedure e delle organizzazioni necessarie per l’attivazione e la gestione di una sistema per la sicurezza del lavoro marittimo.

Operazioni e servizi portuali: salute e sicurezza dei lavoratori.

Gli argomenti principali presenti nel D.Lgs. 272/99 posso essere suddivisi in due sezioni: la prima parte è riconducibile a tutte le operazioni, attività o servizi portuali come il carico e scarico, il trasbordo, il deposito e la movimentazione delle merci e di tutti i servizi complementari e accessori nel gergo denominato “lavoro portuale”; la seconda parte invece è relativa alle operazioni di manutenzione, riparazione e trasformazione delle navi all’interno dei porti.

I rischi nel settore portuale e marittimo

Queste due attività racchiudono in termini di sicurezza sul lavoro molte criticità per i lavoratori che prestano il proprio servizio.

Tutti gli interventi di mantenimento della nave raffigurano i rischi maggiori per la salute e sicurezza dei lavoratori, poiché attraverso le operazioni di saldatura, pittura e coibentazione sono soggetti a sostanze aereodisperse, come polveri, fumi, gas e vapori.

All’interno del lavoro portuale delimitato alle sole merci, il rischio chimico è meno esteso, tuttavia persiste in maniera considerevole il rischio per l’apparato osteo-articolare e muscolo-scheletrico a causa delle posture vincolate da una determinata operazione, della movimentazione manuale dei carichi, della guida dei mezzi e dei movimenti ripetitivi degli arti superiori.

Il rischio di malattie professionali

Oltre a i rischi sopracitati, i lavoratori che prestano servizio nei porti sono sottoposti anche ad alti generi di rischi, i quali possono a volte determinare l’insorgere di malattie professionali causati da:

  • Vibrazioni e rumori continui delle macchine che possono causare ipoacusia;
  • Esposizioni prolungate a determinate condizioni climatiche dovute dalla temperatura, vento e umidità;
  • Esposizioni a radiazioni solari, anche se tuttavia il rischio è più elevato in mare a causa del riflesso della luce del sole che sulla terra;
  • Orari di lavoro irregolari.

Problemi di sicurezza nei porti

Altri aspetti fondamentali e preoccupanti circa la sicurezza sul lavoro nell’ambiente portuale derivano dai seguenti elementi:

  • Dicotomia porto-nave, il quale rappresenta due ambienti di lavoro molto diversi fra loro che generano però rilevanti rischi per la sicurezza di coloro che si trovano a dover operare in spazi particolarmente insidiosi e non sempre ben conosciuti;
  • Rischi da interferenza dovuti alla compresenza nei porti di lavoratori appartenenti a diverse categorie, come gli autotrasportatori, traghettatori, militari, personale degli enti portuali e degli enti pubblici con il ruolo di controllo;
  • Rischi da investimento dovuti alla contemporanea presenza di lavoratori che si muovono a piedi e dei molteplici mezzi di movimentazione e sollevamento che vengono impiegati negli ambienti portuali.

Ricordiamo quindi che è fondamentale in questa ottica conoscere gli strumenti di supporto alla valutazione e gestione dei rischi, così come sono necessarie le buone pratiche formative, l’adozione di soluzioni tecnologiche innovative e la corretta gestione dei processi lavorativi.

Contattaci

Hai trovato i servizi integrati di consulenza e formazione di cui hai bisogno?

Se vuoi ricevere maggiori informazioni o se hai dubbi in merito ai servizi integrati di consulenza e formazione puoi contattare la SF Business Advisor

Entro 24 ore riceverai la soluzione ideale allo sviluppo della tua Impresa inerente la tua richiesta.

CHIAMA SUBITO 0859116786

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *