La soluzione concreta per lo sviluppo della tua Impresa
 
GLI EFFETTI DEL RUMORE SUI LAVORATORI

GLI EFFETTI DEL RUMORE SUI LAVORATORI

Il rischio rumore e il quadro normativo 

Gli effetti del rumore sui lavoratori  

Il rumore può creare problemi per lo più transitori durante l’esecuzione di determinate attività quotidiane, ma esposizioni durature e ripetute nel tempo possono provocare invece eventi irreparabili senza che il lavoratore se ne renda conto nell’immediato. 

La gravità dell’effetto dipende dalla frequenza, dall’ampiezza dell’onda sonora e dalla durata.  

Ad esempio, i suoni ad alto livello e a lunga durata sono i più fastidiosi e dannosi, mentre quelli ad alta frequenza sono i più rischiosi. I suoni intermittenti sono meno dannosi di quelli continui perché l’orecchio riesce a rigenerarsi nei momenti di silenzio, ma tendono ad essere i più fastidiosi a livello percettivo. 

Il documento “Progettazione acustica e vibratoria di macchine e attrezzature per uso agricolo. Manuale operativo” elaborato dall’Inail riporta utili indicazioni sugli effetti dell’esposizione a vibrazione e rumore

CHIAMA SUBITO – 0859116786

Settore agricolo: gli effetti del rumore sui lavoratori 

Alcune attività lavorative espongono quotidianamente l’operatore ad elevate dosi di rumore che possono rendere difficile la trasmissione e la percezione della parola o di eventuali segnali di allarme sonoro.

Per quanto riguarda gli operatori agricoli, gli effetti che si riscontrano sono: affaticamento uditivo, ipoacusia e abbassamento della soglia uditiva, che a seconda della gravità può essere di carattere transitorio o irreversibile. 

Effetti secondari riguardano invece l’alterazione di altre funzionalità del corpo umano, come ad esempio il sistema nervoso o la psiche in generale, dando luogo a cefalee, stordimento, spossatezza e irritabilità con conseguente riduzione del rendimento. 

trattoristi sono i lavoratori del settore agricolo maggiormente esposti a tali malattie professionali. 

In particolare, i trattori cingolati o gommati in assenza di cabina sono generalmente caratterizzati da valori di emissione più elevati dei limiti stabiliti dalla legge. Inoltre, i cingolati risultano più rumorosi dei gommati per le loro particolari caratteristiche tecniche. 

Il quadro normativo  

limiti di esposizione sono definiti nel capo II del titolo VIII del d.lgs. 81/2008 e sono riferiti alle seguenti grandezze: 

  • Pressione acustica di picco (Ppeak): valore massimo della pressione acustica istantanea; 
  • Esposizione giornaliera al rumore (LEX,8h): valore medio, ponderato in funzione del tempo, dei livelli di esposizione al rumore per una giornata lavorativa di 8 ore; 
  • Esposizione settimanale al rumore (LEX,w): “valore medio, ponderato in funzione del tempo, dei livelli di esposizione al rumore per 5 giorni lavorativi di 8 ore. 

L’esposizione settimanale al rumore viene utilizzata per la valutazione del rischio quando il lavoratore è esposto a livelli di rumore notevolmente differenti fra le diverse giornate lavorative. E la normativa, oltre a definire dei limiti sul valore di esposizione giornaliera, fornisce anche un limite sul livello di picco in quanto questo è significativo per la valutazione del rischio dovuto a un rumore impulsivo.

Contattaci

Hai trovato i servizi integrati di consulenza e formazione di cui hai bisogno?

Se vuoi ricevere maggiori informazioni o se hai dubbi in merito ai servizi integrati di consulenza e formazione puoi contattare la SF Business Advisor

Entro 24 ore riceverai la soluzione ideale allo sviluppo della tua Impresa inerente la tua richiesta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Avvia la chat 📲
Come possiamo aiutarti?
Ciao! 😀
Come possiamo aiutarti?
Inviaci un messaggio e ti risponderemo in tempo reale...