LE ZOONOSI E IL RISCHIO BIOLOGICO

Il tema delle zoonosi costituisce un importante problema di sanità pubblica rappresentando il 75% delle malattie emergenti a livello mondiale

Le zoonosi e il rischio biologico
Il rischio biologico

Le zoonosi vettore trasmesse

Le zoonosi vettore trasmesse sono infezioni o malattie acquisite tra animali e uomo mediante la puntura e/o il morso di vettori infetti. I vettori sono per la gran parte zanzare, zecche e flebotomi, in grado di trasmettere l’agente patogeno.

CHIAMA SUBITO 0859116786

Le infezioni da zoonosi occupazionali

Le infezioni da batteri resistenti agli antibiotici acquisite in occasione di specifiche attività lavorative possono essere considerate zoonosi occupazionali e riguardano tutti coloro che hanno contatti diretti e/o indiretti con animali o loro derivati.

Alcune zoonosi rappresentano quindi un vero e proprio rischio per i lavoratori che svolgono la loro attività in ambienti outdoor, facendo rientrare a pieno titolo le zoonosi occupazionali nella prevenzione e gestione del rischio biologico.

Il rischio biologico

Il rischio biologico da zoonosi è strettamente correlato allo stato dell’igiene degli animali allevati, il quale è inoltre soggetto a variazioni dovute alle modificazioni ambientali e alle diverse tipologie e modalità delle attività praticate.

Per prevenire le zoonosi è fondamentale effettuare un controllo puntuale dello stato di salute dell’animale.  Tra i fattori di controllo è necessario prestare attenzione alla conduzione dell’allevamento, ai trattamenti vaccinali e terapeutici, all’esecuzione della profilassi, alla scelta e la manutenzione dei ricoveri.

Le categorie a rischio

Alcune categorie professionali sono potenzialmente più esposte, come i boscaioli, gli agricoltori, i cacciatori, i forestali, i guardiacaccia, i veterinari, gli operatori delle telecomunicazioni e delle compagnie elettriche che posano tralicci in aree a rischio e tutti quelli che svolgono attività lavorativa all’aria aperta.

Per questi soggetti, alla luce delle indicazioni previste dal D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., dovrebbe essere raccomandata la profilassi attiva mediante la vaccinazione per le patologie per le quali il vaccino è disponibile (ad esempio la vaccinazione contro l’encefalite virale da zecca – TBE).

Misure di prevenzione

Secondo il D.Lgs. 81/2008, modificato e integrato dal D.Lgs. 106/2009, il datore di lavoro ha l’obbligo, sulla base della valutazione dei rischi, di tutelare la salute e sicurezza dei lavoratori mediante l’attuazione di idonee strategie di prevenzione:

In particolare:

  • evitare l’esposizione ad agenti biologici mediante misure tecniche, organizzative e procedurali;
  • elaborare idonee procedure per manipolazione, decontaminazione ed eliminazione di materiali biologici e rifiuti contaminati;
  • far rispettare i principi di igiene personale (indumenti di lavoro separati da quelli civili, lavaggio delle mani, doccia a fine turno di lavoro, ecc.);
  • predisporre misure per la gestione delle emergenze;
  • sottoporre il lavoratore a sorveglianza sanitaria, quando prevista;
  • fornire adeguate informazioni e istruzioni sui rischi specifici e sulle misure di prevenzione da adottare.

Contattaci

Hai trovato i servizi integrati di consulenza e formazione di cui hai bisogno?

Se vuoi ricevere maggiori informazioni o se hai dubbi in merito ai servizi integrati di consulenza e formazione puoi contattare la SF Business Advisor

Entro 24 ore riceverai la soluzione ideale allo sviluppo della tua Impresa inerente la tua richiesta.

CHIAMA SUBITO 0859116786

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *