CHI È IL PREPOSTO PER LA SICUREZZA?

Chi è il Preposto per la sicurezza?
Chi è il Preposto per la sicurezza?

Il Preposto, in base alla definizione presente nell’art. 2 del D.Lgs. 81/08, è quel lavoratore che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell’incarico conferitogli dal Datore di Lavoro, sovrintende alle attività lavorative e garantisce l’attuazione delle direttive ricevute,controllandone la corretta esecuzione da parte dei “lavoratori” ed esercitando un funzionale potere di iniziativa.

Quali sono i principali compiti del Preposto?

Tra i principali compiti del preposto ci sono:

  • Metter in atto le misure di prevenzione individuate dai propri superiori;
  • Informazione, formazione e addestramento dei lavoratori sui rischi specifici delle attività;
  • Vigilare e controllare l’applicazione delle misure di prevenzione;
  • Essere promotore di azioni preventive necessarie per ridurre o eliminare i rischi delle attività del proprio gruppo;
  • Informare il Dirigente di eventuali problemi relativi alla sicurezza;
  • Impedire l’attività nel caso di pericolo immediato per i lavoratori;
  • Investigare sulle cause di incidenti ed infortuni oltre a monitorare i mancati incidenti in modo analitico le cause al fine di evitare che possano ripetersi;

Obbligo di formazione

Il preposto è obbligato a partecipare a corsi di formazione sulla sicurezza predisposti dal Datore di Lavoro. Non partecipare ai corsi formativi specifici, può comportare una sanzione da parte degli enti competenti e comunque, non evita le possibili responsabilità derivanti dal non rispetto degli obblighi della figura di Preposto. Per quanto riguarda l’aggiornamento, esso è obbligatorio ogni cinque anni.

Sanzioni

Il D.Lgs. 81/08 riporta in maniera chiara le sanzioni a carico di questa figura.

Il Preposto rischia l’arresto fino a due mesi o un’ammenda per le seguenti inadempienze:

  • Mancata vigilanza sulla osservanza, da parte dei singoli lavoratori, delle disposizioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro;
  • Mancata vigilanza sull’utilizzo da parte dei lavoratori dei dispositivi di protezione collettiva e individuale;
  • Richiesta ai lavoratori di riprendere la loro attività in una situazione di lavoro in cui persiste un pericolo grave ed immediato;
  • Mancata segnalazione al Datore di Lavoro della presenza di macchinari e attrezzature, nonché di dispositivi di protezione, carenti e non adeguati alle condizioni di pericolo presenti sul luogo di lavoro.

Infine, il Preposto è soggetto a sanzioni anche per inadempienze legate ai rischi connessi con l’esposizione a sostanze chimiche pericolose e ad agenti biologici.


Contattaci

Per avere maggiori informazioni circa la figura del Preposto contatta la SF Business Advisor

Sarai ricontattato al massimo entro 24 ore con la soluzione ideale allo sviluppo della tua impresa inerente la tua richiesta. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *