IL CORRETTO USO DELLE SCALE PORTATILI

SCALE PORTATILI: TIPOLOGIE, INDICAZIONI E MANUTENZIONE

Il tipo di scala deve essere scelto in relazione all’uso specifico e deve essere subordinato alla preventiva valutazione dei rischi, e quindi anche al luogo di installazione, all’altezza, all’inclinazione, alla base di appoggio e ai punti di ancoraggio.

Il tipo di scala deve essere scelto in relazione all’uso specifico e deve essere subordinato alla preventiva valutazione dei rischi, e quindi anche al luogo di installazione, all’altezza, all’inclinazione, alla base di appoggio e ai punti di ancoraggio.

L’utilizzo delle scale portatili è disciplinato dal D. Lgs. 81/08, il quale, all’articolo 111, comma 3 prevede quanto segue: “Il datore di lavoro dispone affinché sia utilizzata una scala a pioli quale posto di lavoro in quota solo nei casi in cui l’uso di altre attrezzature di lavoro considerate più sicure non è giustificato a causa del limitato livello di rischio e della breve durata di impiego oppure delle caratteristiche esistenti dei siti che non può modificare”.

Le scale portatili presentano frequentemente problematiche di instabilità, definite dalla corretta posizione d’uso, in relazione ad esempio alla consistenza delle congiunzioni fra i vari elementi che le costituiscono, per cui con l’uso è altamente probabile che si verificano allentamenti e giochi tali da creare potenziali ribaltamenti stimolati dai movimento del lavoratore.

CHIAMA SUBITO 0859116786

Tipologie di scale portatili

La norma UNI EN 131-1 individua le scale portatili in base alla configurazione geometrica e agli elementi componenti, e sono corredate da una certificazione riconosciuta a livello europeo che garantisce una portata massima di 150 kg. Tra le principali categorie di scale portatili troviamo:

  • La scala semplice di appoggio: la quale appoggia la parte inferiore su una superfice piana e la parte superiore su una superficie verticale, poiché non ha un proprio sostegno. Può essere ad un solo tronco o anche a più tronchi innestabili o sfilabili;
  • La scala doppia: la quale si sostiene da sé, poiché appoggia i due tronchi sulla superfice permettendo la salita da parte del lavoratore da un lato oppure da entrambi i lati;
  • La scala a castello: la quale presenta una solida base di appoggio, con un tronco di salita dotato di corrimano, e con ampia piattaforma di stazionamento dotata di un parapetto.

Indicazioni per le scale semplici di appoggio

Gli infortuni con le scale portatili sono frequenti e spesso hanno conseguenze gravi e prima dell’uso è fondamentale valutare attentamente se la scala portatile sia adeguata alle circostanze dell’impiego, tuttavia, tra le principali indicazioni nell’utilizzo delle scale semplici è bene ricordare che:

  • La scala deve essere saldamente appoggiata a terra su una superficie livellata e non sdrucciolevole;
  • Nel caso della scala semplice d’appoggio l’angolo corretto deve essere compreso tra i 65° e i 75°, nel caso invece della scala doppia è necessario verificare il corretto funzionamento degli eventuali dispositivi di blocco;
  • Se si opera ad altezza superiore a 2 m. è necessario utilizzare un adeguato dispositivo di tenuta del corpo che mantenga il lavoratore all’interno dei montanti, con un cordino di posizionamento il quale deve essere sempre mantenuto in tensione durante il lavoro;
  • La scala non deve essere sovraccaricata oltre la portata massima prevista dal costruttore;
  • È consentito lavorare solo su scale a gradini, posizionando i piedi sullo stesso gradino;
  • Durante la salita e la discesa, si deve procede sempre con il viso rivolto verso la scala e mantenere il proprio baricentro all’interno dei montanti della scala;
  • Le scale devono essere utilizzate in modo da consentire ai lavoratori di disporre in qualsiasi momento di un appoggio e di una presa sicuri;
  • La scala non deve essere utilizzata come ponte, piano di lavoro o montante di piani di lavoro.
  • Deve essere utilizzata da una sola persona;
  • Occorre lavorare sempre in posizione frontale alla scala, evitando lavori ingeneranti spinte laterali della scala;
  • Nei casi in cui non è possibile vincolare la scala, deve essere garantita l’assistenza a terra di una seconda persona;
  • Durante l’esecuzione dei lavori, una persona deve esercitare da terra una continua vigilanza della scala;
  • Gli utensili e gli attrezzi manuali in uso devono essere vincolati per impedirne la caduta accidentale;
  • Gli utilizzatori della scala non devono indossare indumenti che rischino di impigliarsi;
  • Anche nei casi in cui si dispone di un appoggio e di una presa sicura, gli addetti non devono operare sui due gradini superiori di una scala doppia senza piattaforma o barra di sostegno.

La manutenzione

Per quanto riguarda il posizionamento, l’uso e la rimozione delle scale portatili è necessario seguire le istruzioni d’uso fornite dal fabbricante, in modo particolare è necessario uno specifico addestramento del lavoratore addetto per il corretto posizionamento e rimozione della scala.

La manutenzione invece deve essere eseguita da parte di un personale che sia qualificato, il cui compito consiste principalmente nella verifica:

  • Degli zoccoli antiscivolo e loro integrità;
  • Dei componenti della scala: montanti e pioli;
  • Dei collegamenti tra i componenti.

Contattaci

Hai trovato i servizi integrati di consulenza e formazione di cui hai bisogno?

Se vuoi ricevere maggiori informazioni o se hai dubbi in merito ai servizi integrati di consulenza e formazione puoi contattare la SF Business Advisor

Entro 24 ore riceverai la soluzione ideale allo sviluppo della tua Impresa inerente la tua richiesta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *