LA CONTAMINAZIONE DA MICOTOSSINE

Micotossine in ambito agro-zootecnico: misure di prevenzione per la riduzione del rischio

L’esposizione ai micromiceti e alle micotossine rinvenibili nei prodotti dell’agricoltura può costituire un’importante causa o concausa determinante l’insorgenza e/o la progressione delle patologie respiratorie nel settore agro-zootecnico.

L’asma rappresenta la patologia professionale più diffusa, e si stima che una riacutizzazione grave su sette sia associata all’esposizione a sostanze nocive sul posto di lavoro; inoltre, si ritiene che tali esposizioni siano responsabili di circa il 15% di tutti i casi di asma negli adulti. Ed è in continua crescita il numero di sostanze associate all’asma e altre patologie delle vie aeree e tra queste ci sono anche proteine di origine animale e vegetale.

A fornire utili informazioni anche sulla prevenzione di queste patologie è un nuovo documento Inail, dal titolo “Contaminazione da micotossine in ambito agro-zootecnico. Misure di prevenzione per la riduzione”.

CHIAMA SUBITO 0859116786

Effetti tossici delle micotossine

La principale via di esposizione alle micotossine e micromiceti è quella orale, attraverso l’introduzione di alimenti e mangimi contaminati. Tale esposizione ha raggiunto negli ultimi anni livelli di allerta tali da risultare significativamente predominante rispetto a quella derivante dai residui di altri inquinanti (fitofarmaci, additivi e coloranti, metalli pesanti, diossine, ecc.).

Un aspetto spesso sottovalutato del problema micotossine è quello del rischio connesso all’esposizione per via inalatoria. Essa costituisce una modalità di introduzione secondaria delle micotossine che acquisisce importanza rilevante per alcune categorie di lavoratori (quelle del settore agro-zootecnico e tessile) frequentemente esposti a polveri potenzialmente contaminate.

Micotossine: manifestazioni patologiche

Allo stato attuale, l’esposizione inalatoria dell’uomo alle micotossine, nei settori manifatturiero e dell’agricoltura, è ritenuta probabilmente corresponsabile di diverse manifestazioni patologiche, tra cui:

  • neoplasie (in operai del settore agricolo e della trasformazione degli alimenti);
  • la sindrome da polveri organiche tossiche, molto comune in agricoltori e in individui esposti per inalazione a polveri di cereali, fieno, funghi con presenza anche di batteri e loro metaboliti, insetti, acari, ecc.;
  • la polmonite interstiziale negli operai del settore tessile;
  • effetti irritativi da polveri di granaglie.

Attività che generano polveri

Diversi sono i settori agro-zootecnici che possono essere interessati al problema delle micotossine ma quello principalmente coinvolto è il settore granario.

Le principali attività che generano polveri durante la lavorazione delle granaglie sono:

  • versamento;
  • movimentazione della granella in azienda (selezione della granella grezza, passaggio negli essiccatori, soffiatura e trasferimento, svuotamento degli essiccatori e dei silos);
  • molitura di grano e orzo alimentare;
  • riempimento dei maceratori in cui si produce malto d’orzo;
  • operazioni di pulizia (pulizia e manutenzione degli impianti di produzione con estrazione della polvere, dei silos vuoti, sotto i forni del malto d’orzo, pulizia dei secchi del mangime per uso zootecnico);
  • aggiunta di ingredienti supplementari alle tramogge durante la molitura della farina.

Misure di prevenzione

Il controllo della diffusione delle micotossine non è di facile attuazione sia per la natura della contaminazione, di origine accidentale, che per la molteplicità degli agenti contaminanti, che per la notevole influenza delle condizioni meteo-climatiche su scala ambientale e del substrato di crescita fungina.

Tuttavia, le misure di controllo devono, nelle linee generali, seguire il principio ALARA (As Low As Reasonably Achievable) che si applica a sostanze particolarmente dannose per la salute la cui presenza nell’ambiente non è strettamente dipendente dalla volontà umana e per le quali devono essere fissati livelli di tolleranza che corrispondono ai valori più bassi ragionevolmente misurabili.

Il principio implica la necessità di impegnarsi nell’individuazione e nell’applicazione di misure di contenimento della diffusione di sostanze cancerogene e genotossiche finalizzate ad una riduzione della contaminazione.

In particolare, questo approccio al problema consente di ridurre il rischio tossicologico attraverso la limitazione sia della contaminazione da micromiceti e micotossine di derrate che sono destinate al consumo alimentare umano (oltre che animale), che dell’esposizione per via inalatoria per cause occupazionali.

Infine, è fondamentale effettuare un’adeguata formazione e informazione, adottare idonei DPI (particolarmente importanti quelli per le vie respiratorie) e mettere in atto un preciso programma di sorveglianza sanitaria.

Contattaci

Hai trovato i servizi integrati di consulenza e formazione di cui hai bisogno?

Se vuoi ricevere maggiori informazioni o se hai dubbi in merito ai servizi integrati di consulenza e formazione puoi contattare la SF Business Advisor

Entro 24 ore riceverai la soluzione ideale allo sviluppo della tua Impresa inerente la tua richiesta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *