La soluzione concreta per lo sviluppo della tua Impresa
 
DPI: RISCHIO AGENTI CHIMICI NEL SETTORE DELL’EDILIZIA

DPI: RISCHIO AGENTI CHIMICI NEL SETTORE DELL’EDILIZIA

Il rischio chimico in cantiere e i dispositivi di protezione individuale

DPI: rischio agenti chimici nel settore dell’edilizia

L’utilizzo degli agenti chimici nel comparto dell’edilizia può rappresentare un rischio per la salute dei lavoratori, in particolare lo sono la manipolazione e l’impiego di sostanze e preparati come solventi, pigmenti, additivi, disarmanti, collanti e l’utilizzo di bitume o asfalti a caldo. 

Sono da considerare un rischio chimico anche le lavorazioni come la saldatura, le attività di demolizione, scavi o la preparazione di calce e malte cementizie in grado di determinare esposizione a particolato e fibre. 

Particolare attenzione è rivolta poi alla potenziale esposizione a “inquinanti emergenti” connessi alla cosiddetta edilizia verde, come:  

  •  gli isocianati, che trovano largo impiego nell’utilizzo di schiume, fibre, elastomeri, materiali isolanti, pitture e vernici; 
  •  le resine epossidiche, utilizzate per la produzione di adesivi, vernici, rivestimenti e strutture polimeriche composite;  
  •  le fibre minerali artificiali (FMA) e fibre artificiali vetrose (FAV), utilizzate in edilizia come materiali isolanti, dalle potenziali proprietà infiammatorie, citotossiche e cancerogene. 

Il documento pubblicato dall’INAIL dal titolo “I dispositivi di protezione individuale per il rischio agenti chimici nel settore dell’edilizia” fornisce utili indicazioni sulla scelta dei principali DPI da adottare.

CHIAMA SUBITO – 0859116786

La scelta dei DPI

Quando non è possibile fronteggiare adeguatamente i rischi con misure tecniche di prevenzione o con sistemi di protezione collettiva, è necessario l’impiego dei dispositivi di protezione individuale (DPI), ovvero qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata dal lavoratore allo scopo di proteggerlo, nonché ogni complemento o accessorio destinato a tale fine. 

La scelta dei DPI dipende però da un insieme di valutazioni: la natura e lo stato fisico dell’inquinante, i relativi valori limite di esposizione professionale (VLEP), la concentrazione dell’inquinante nell’ambiente di lavoro e la durata dell’attività lavorativa nell’aria inquinata. 

Sostanzialmente sono due le tipologie di DPI per la protezione da rischio chimico nel comparto edile:   

  • per la protezione della cute; 
  • per la protezione delle vie respiratorie. 

I dispositivi per la protezione della cute 

I dispositivi per la protezione della cute riguardano in questo caso i guanti e di dispositivi di protezione del corpo, che garantiscono una copertura ampia della superficie cutanea potenzialmente esposta, compresa quella del viso e degli occhi. La norma EN ISO 374-1:2018 specifica i requisiti dei guanti destinati a proteggere l’utilizzatore contro i prodotti chimici pericolosi in funzione della penetrazione, permeazione e degradazione. 

I dispositivi per la protezione delle vie respiratorie 

I dispositivi per la protezione delle vie respiratorie, noti anche come APVR (apparecchi di protezione delle vie respiratorie) sono destinati a proteggere il lavoratore da sostanze pericolose allo stato aeriforme (particelle, vapori, gas).  

Una dettagliata valutazione del rischio, attraverso la determinazione della natura dell’inquinamento, permette di individuare l’APVR più idoneo. 

Conformità dei DPI 

Infine, i DPI devono essere progettati in modo tale che l’utilizzatore possa svolgere normalmente l’attività che lo espone a rischi, disponendo al tempo stesso di una protezione appropriata e del miglior livello possibile, e in modo da non provocare rischi e altri fattori di disturbo nelle condizioni prevedibili di impiego e, in caso di rischi multipli che richiedano l’uso simultaneo di più DPI, questi devono essere tra di loro compatibili e tali da mantenere, anche nell’uso simultaneo, la propria efficacia nei confronti del rischio e dei rischi corrispondenti. 

Contattaci

Hai trovato i servizi integrati di consulenza e formazione di cui hai bisogno?

Se vuoi ricevere maggiori informazioni o se hai dubbi in merito ai servizi integrati di consulenza e formazione puoi contattare la SF Business Advisor

Entro 24 ore riceverai la soluzione ideale allo sviluppo della tua Impresa inerente la tua richiesta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Avvia la chat 📲
Come possiamo aiutarti?
Ciao! 😀
Come possiamo aiutarti?
Inviaci un messaggio e ti risponderemo in tempo reale...