I DPI NEL SETTORE SANITARIO

Valutazione e scelta dei DPI da rischio biologico nel settore sanitario

I DPI nel settore sanitario
I DPI nel settore sanitario

I dispositivi di protezione individuale (DPI) sono, secondo l’articolo 74 del D.Lgs. 81/2008 (Testo Unico), “qualsiasi apparecchiatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciarne la sicurezza o la salute durante il lavoro, nonché ogni complemento o accessorio destinato a tale scopo”.

La mera messa disposizione dei DPI nel settore sanitario e non solo, non può, da sola, essere garanzia di efficacia se non accompagnata da:

  • una valutazione del processo clinico, sulla base della quale individuare le misure precauzionali necessarie;
  • l’individuazione dei soggetti, direttamente o indirettamente coinvolti (subfornitori, ecc.);
  • la realizzazione di azioni di sensibilizzazione, informazione, formazione ed addestramento previsti per il corretto utilizzo dei dispositivi;
  • il riesame di sistema, a conferma dell’appropriata attuazione delle misure previste.

I DPI in ambiente sanitario

I principali DPI impiegati nel settore sanitario sono quelli per la:

  • protezione degli occhi: in relazione alla modalità di trasmissione dell’agente patogeno può essere necessario utilizzarli congiuntamente ad altri DPI atti proteggere anche altri parti del corpo (es. mucose naso-buccali) o organi (es. apparato respiratorio);
  • protezione degli occhi e delle mucose: la protezione conseguita utilizzando la visiera, permette la protezione degli occhi, del viso e delle mucose. In relazione alla modalità di trasmissione dell’agente patogeno può comunque essere necessario l’utilizzo congiunto ad altri DPI atti proteggere il corpo o una sua parte o organi (es. apparato respiratorio);
  • protezione delle vie respiratorie: anche in questo caso in relazione alla modalità di trasmissione dell’agente patogeno, può essere necessario l’utilizzo congiuntamente ad altri DPI per la protezione del capo (copricapo) o del corpo (tuta intera con cappuccio);
  • protezione delle vie respiratorie e delle mucose: anche in questo caso può essere necessario l’utilizzo congiuntamente ad altri DPI per la protezione del capo o del corpo, sono presentate le maschere a pieno facciale riutilizzabili con filtri e i dispositivi di filtrazione dell’aria elettroventilati con filtri;
  • protezione del corpo: comprende le protezioni che copre o sostituisce gli indumenti personali e che è stato progettato per proteggere contro uno o più pericoli (camice, tuta completa e tuta a scafandro);
  • protezione delle mani: guanti monouso.

Obblighi del datore di lavoro

Il soggetto che ha l’obbligo di valutare i rischi e di provvedere di conseguenza alla prevenzione e alla protezione dagli stessi è, naturalmente, il datore di lavoro. A ribadirlo lo stesso decreto del 2008, all’articolo 18, comma 1, lettera D, che così recita: “Il datore di lavoro deve fornire al lavoratore i necessari e idonei dispositivi di protezione individuale”. Tali dispositivi servono all’operatore sanitario a scongiurare rischi anche più gravi di quello di contrarre il virus come il rischio biologico e chimico.

Inoltre, nella fase di valutazione ed individuazione dei DPI è necessario tener conto anche della loro ergonomia, in ragione delle differenze di genere, e le specifiche peculiarità soggettive (es. l’utilizzo di occhiali da vista, allergia al lattice, ecc.) che possono impedire o limitare l’utilizzo di un particolare dispositivo.

Sanzioni

Nel caso in cui il datore di lavoro non provveda a fornire i DPI e venisse accertata tale omissione, rischia la reclusione dai due ai quattro mesi e un’ammenda dai 1.644 ai 6.576 euro.

Se da tale inosservanza deriva un danno più o meno grave del lavoratore (un infortunio o addirittura la morte) verranno avviati altri procedimenti penali.

Inoltre, va precisato che anche l’operatore ha degli obblighi in materia di DPI, tra questi quello di seguire corsi e piani di formazione in materia di sicurezza sul lavoro, obbligatori per legge ed organizzati dall’azienda.

Contattaci

Hai trovato i servizi integrati di consulenza e formazione di cui hai bisogno?

Se vuoi ricevere maggiori informazioni o se hai dubbi in merito ai servizi integrati di consulenza e formazione puoi contattare la SF Business Advisor

Entro 24 ore riceverai la soluzione ideale allo sviluppo della tua Impresa inerente la tua richiesta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *