IL VIDEOTERMINALE E I RISCHI PER I LAVORATORI

Quali sono gli effetti legati all’utilizzo prolungato del videoterminale?

Quali sono gli effetti legati al prolungato utilizzo del videoterminale?
I RISCHI DEL LAVORO AL VIDEOTERMINALE

Lo sviluppo della tecnologia nelle attività lavorative ha portato ad un incremento d’uso del videoterminale quale indispensabile strumento per l’attività lavorativa. Le nuove attrezzature hanno contribuito a rendere più funzionale il lavoro, ma è pur vero che hanno fatto insorgere problemi riguardanti la protezione del lavoratore addetto al loro impiego.

CHIAMA SUBITO 0859116786

Videoterminale: eventuali rischi per la salute

I videoterminali di per sé non comportano rischi per la salute di chi li utilizza, è il loro uso scorretto a poter mettere in risalto i seguenti disturbi:

  • oculo-visivi (astenopia);
  • muscolo-scheletrici;
  • affaticamento mentale.

Per ridurre al minimo i possibili rischi è necessario che l’utilizzatore sia formato ed informato adeguatamente, addestrato all’utilizzo delle attrezzature e che siano contemplati interventi riguardanti l’organizzazione del lavoro.

Il datore di lavoro è obbligato ad effettuare la valutazione del rischio e adottare misure appropriate affinché il rischio possa essere eliminato o ridotto al massimo.

Disturbi oculo-visivi

L’uso prolungato dei videoterminali sottopone l’apparato visivo ad affaticamento poiché vengono sollecitati i muscoli oculari della messa a fuoco delle immagini che è maggiormente impegnativa quanto più è vicino l’oggetto da mettere a fuoco. La messa a fuoco di un oggetto lontano invece rilascia i muscoli e crea una condizione di riposo per l’occhio.

I disturbi che interessano l’apparato oculo-visivo hanno il nome di astenopia, condizione di affaticamento degli occhi che si manifesta con bruciore, lacrimazione, secchezza, senso di corpo estraneo, visione annebbiata o sdoppiata, stanchezza alla lettura, ecc.

Disturbi muscolo – scheletrici

L’uso prolungato dei videoterminali comporta movimenti ripetitivi che sono innaturali rispetto al normale alternarsi delle contrazioni e del rilassamento dei muscoli. Difatti, questi movimenti riducono l’afflusso del sangue creando un senso di affaticamento.

La sedentarietà, la cattiva alimentazione, il fumo ed il sovrappeso rappresentano un’ulteriore fonte di rischio per la salute della persona.

I principali disturbi muscolo-scheletrici comprendono:

  • Senso di peso o di fastidio;
  • Dolore e intorpidimento;
  • Rigidità al collo, schiena, spalle, braccia e mani.

Affaticamento mentale 

L’affaticamento mentale, conosciuto con il nome di stress, è un disturbo che deriva principalmente dalla monotonia e dalla ripetitività di gesti e azioni per lunghi periodi, nonché dall’ambiente lavorativo a volte inadeguato. Questo tipo di condizioni vanno ad influenzare la sfera psicologica della persona.

Pertanto, tutte queste condizioni possono portare l’utilizzatore dei videoterminali ad avere disturbi come mal di testa, ansia, stanchezza, nervosismo, problemi di digestione e disturbi del sonno.

Inoltre, il modo migliore per prevenire l’affaticamento mentale è modificare l’organizzazione del lavoro in modo da renderlo più vario e garantire assistenza per la risoluzione di problemi di utilizzo e gestione del software.

La postazione di lavoro al videoterminale

Per allestire in modo corretto la postazione di lavoro è necessario prima di tutto utilizzare attrezzature moderne che possano ridurre al minimo i rischi che derivano da un loro prolungato utilizzo.

La postazione di lavoro deve prevedere un monitor orientabile ed inclinabile e la possibilità di poter regolare la luminosità e il contrasto in modo da visualizzare al meglio i caratteri e la qualità della grafica in generale.

Il sedile di lavoro deve essere stabile e permettere all’utilizzatore una certa libertà di movimento ed una posizione comoda.

Il piano di lavoro è molto importante, infatti, deve essere sicuro ed avere dimensioni adatte alle esigenze lavorative per consentire di orientare lo schermo del videoterminale e posizionare correttamente la tastiera e disporre di tutta l’attrezzatura necessaria.

Infine, l’ambiente di lavoro deve avere un clima ideale, la velocità dell’aria deve essere ridotta, pertanto meglio evitare che si formino correnti d’aria provenienti da porte, finestre, condizionatori e ventilatori. Allo stesso tempo l’aria non deve essere troppo secca, poiché potrebbe causare fastidiose irritazioni agli occhi.

Contattaci

Hai trovato i servizi integrati di consulenza e formazione di cui hai bisogno?

Se vuoi ricevere maggiori informazioni o se hai dubbi in merito ai servizi integrati di consulenza e formazione puoi contattare la SF Business Advisor

Entro 24 ore riceverai la soluzione ideale allo sviluppo della tua Impresa inerente la tua richiesta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *