LA TUTELA DELLA GRAVIDANZA NEI LUOGHI DI LAVORO

Lavoratrici in gravidanza: sicurezza e misure di prevenzione

La tutela della gravidanza nei luoghi di lavoro

La gravidanza e la maternità rappresentano un periodo molto importante nella vita della donna che può e deve essere vissuto con serenità e nella consapevolezza dei propri diritti.

Molte attività lavorative costituiscono però per la lavoratrice in gravidanza e dopo il parto una condizione di rischio per la sua salute o per quella del bambino.

Negli ultimi anni il numero delle donne presenti negli ambienti di lavoro è aumentato; il tasso di occupazione, infatti, è salito al 49,2%. Questo fenomeno ha portato ad un incremento delle ricerche in campo epidemiologico che hanno permesso di riconoscere e studiare quei fattori di rischio presenti in diverse attività lavorative e che potrebbero avere effetti negativi sulla salute delle lavoratrici e/o dei loro bambini.

I principali fattori di rischio correlati agli effetti sulla salute riproduttiva sono:

  • Chimici (metalli, solventi, pesticidi, gas, ecc.);
  • Biologici (virus, batteri, protozoi, ecc.);
  • Fisici (radiazioni ionizzanti, rumore, vibrazioni, radiazioni elettromagnetiche, calore, ecc.);
  • Organizzativi (turni di lavoro, posture incongrue e stress psicosociale).
CHIAMA SUBITO 0859116786

Misure di prevenzione

Il datore di lavoro deve in collaborazione con il medico competente, il responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP) consultato il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS), identificare le mansioni/lavorazioni vietate per la gravidanza e/o l’allattamento. Inoltre, deve, integrare il Documento di valutazione dei rischi (DVR) ai sensi dell’art. 28 d.lgs. 81/2008 con l’analisi e l’identificazione delle operazioni incompatibili, indicando per ognuna di tali mansioni a rischio le misure di prevenzione e protezione che intende adottare nel caso di gravidanza:

  • modifica delle condizioni di lavoro e/o dell’orario di lavoro;
  • spostamento delle lavoratrici ad altra mansione non a rischio; e ove non possibile, deve fare richiesta agli Enti competenti di interdizione anticipata dal lavoro.

Gravidanza e lavoro notturno

In riferimento al lavoro notturno, vi è il divieto assoluto di adibire le lavoratrici gestanti e madri al lavoro, dalle ore 24 alle ore 6, dall’accertamento dello stato di gravidanza fino ad un anno di età del bambino. Similmente non sono obbligate a prestare lavoro notturno, su loro richiesta:

  • la lavoratrice madre di un figlio di età inferiore a tre anni o, in alternativa, il lavoratore padre convivente con la stessa;
  • il lavoratore o la lavoratrice che sia l’unico genitore affidatario di un figlio convivente di età inferiore a dodici anni;
  • la lavoratrice o il lavoratore che abbia a proprio carico un soggetto disabile ai sensi della legge n. 104/92 (tutela dell’handicap).

Infine, è fondamentale informare tutte le lavoratrici in età fertile dei risultati della valutazione dei rischi e della necessità di segnalare lo stato di gravidanza non appena venga a conoscenza.

Non ultimo in ordine di importanza è la ricerca e lo sforzo maggiore nell’ambito della formazione e dell’informazione che trasmette alle lavoratrici una reale percezione del problema dei rischi lavorativi, che nella maggior parte dei casi risultano sovra o sottostimati.

Contattaci

Hai trovato i servizi integrati di consulenza e formazione di cui hai bisogno?

Se vuoi ricevere maggiori informazioni o se hai dubbi in merito ai servizi integrati di consulenza e formazione puoi contattare la SF Business Advisor

Entro 24 ore riceverai la soluzione ideale allo sviluppo della tua Impresa inerente la tua richiesta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *