La soluzione concreta per lo sviluppo della tua Impresa
 
RISCHIO SCIVOLAMENTO E RISCHIO CADUTA

RISCHIO SCIVOLAMENTO E RISCHIO CADUTA

Cadute in piano e pavimenti antisdrucciolevoli: la normativa

Cadute in piano e pavimenti antisdrucciolevoli: la normativa
Rischio scivolamento e rischio caduta

Gli infortuni collegati a scivolamento e caduta sui luoghi di lavoro rappresentano il maggior numero di infortuni in tutti i settori lavorativi e sono motivo delle principali assenze dal lavoro superiori ai tre giorni.

Utili informazioni per valutare il rischio di caduta in piano è il documento “Valutare il rischio di caduta in piano. Progetto RAS, Ricercare e Applicare la Sicurezza, Volume 1” promosso dall’Inail.

I “Requisiti dei luoghi di lavoro” del D.Lgs. 81/2008 prevedono che i pavimenti presentino condizioni tali da rendere sicuro il movimento e il transito delle persone e dei mezzi, prescrivendo che questi siano fissi, stabili ed antisdrucciolevoli, esenti da protuberanze, cavità o piani inclinati pericolosi, oltre ad essere non ingombrati da materiali che possano ostacolare la normale circolazione.

CHIAMA SUBITO – 0859116786

Gli obblighi e le criticità della valutazione del rischio caduta

Il rischio di caduta in piano rappresenta dunque un rischio normato, che il Datore di lavoro è obbligato a valutare, e in relazione al quale vanno identificate adeguate misure protettive.

Questi rischi pur essendo specifici per alcune categorie di lavoratori e in determinati ambienti di lavoro (attività che determinano piani di calpestio bagnati, umidi, ecc.) sono anche fattori di rischio di carattere generale, poiché riguardano tutti i luoghi di lavoro.

La valutazione del rischio caduta non può riguardare solo i lavoratori di un’azienda, e questa considerazione diventa ancora più evidente se si osserva che nella quasi totalità delle attività lavorative è prevedibile, se non formalmente previsto, l’accesso oltre ai dipendenti, anche a persone dall’esterno.

Il Documento di Valutazione dei Rischi deve tener conto che ai visitatori deve essere garantita l’accessibilità ai locali nella massima sicurezza.

Infortuni: dal rischio scivolamento al rischio caduta

Gli infortuni provocati da scivolamento o inciampo sulla superficie di calpestio vengono generalmente ricondotti anche dalla letteratura e dalla normativa tecnica-edilizia al valore della resistenza allo scivolamento delle pavimentazioni.

In effetti, la caduta sullo stesso livello è prevalentemente riconducibile ad una inadeguata interazione tra la superficie della suola della scarpa e la superficie del pavimento ed è fortemente condizionata dalla resistenza allo scivolamento della superficie di calpestio.

Riguardo a quest’ultimo aspetto, la resistenza allo scivolamento della pavimentazione attiene alle caratteristiche superficiali del suo rivestimento che possono ostacolare o facilitare lo scorrimento di corpi in movimento su di esso. E questa qualità è condizionata principalmente dal controllo dell’attrito radente e dal livello di porosità del trattamento superficiale del rivestimento.

Maggiore è il coefficiente di attrito che caratterizza la superficie del rivestimento della pavimentazione, minore è la sua scivolosità, ma, analogamente, maggiore è il coefficiente di attrito, maggiore è anche la possibilità di inciampo.

Il coefficiente di attrito

Il coefficiente di attrito è un valore che dipende dalle caratteristiche dei due corpi che vengono a contatto durante lo spostamento e alle caratteristiche e condizioni in cui tale contatto avviene, la determinazione del valore del coefficiente d’attrito dipende da fattori diversi.

Ad esempio, la determinazione del valore deve:

  • tener conto dell’esposizione alle condizioni ambientali (temperatura, umidità e pioggia);
  • distinguere i rivestimenti di pavimentazioni per interni e quelli per esterni;
  • considerare le attività insediate e la destinazione d’uso dell’ambiente in cui la pavimentazione è messa in opera, in relazione alla maggiore o minore esposizione di questa ad agenti contaminanti, macchianti, filmanti e alteranti in genere.

A questi vanno aggiunti anche i fattori legati alle caratteristiche fisiche e comportamentali degli utenti (abilità fisiche, abilità percettivo-sensoriali, abilità psico-cognitive, ecc.) nonché i possibili usi impropri degli spazi da parte degli utilizzatori, come il mancato rispetto di regole sull’abbigliamento, il consumo di cibi in luoghi non destinati a tale funzione, cicli irregolari di pulizia ordinaria e straordinaria, ecc. 

Infine, è bene soffermarsi anche sulla sicurezza antincendio: se è pertinente individuare un rischio relativo alla percorribilità degli spazi durante un utilizzo normale dei luoghi, nello svolgimento delle attività, si pone, a maggior ragione, il problema relativo alla percorribilità degli spazi negli stati non ordinari e in emergenza.

Contattaci

Hai trovato i servizi integrati di consulenza e formazione di cui hai bisogno?

Se vuoi ricevere maggiori informazioni o se hai dubbi in merito ai servizi integrati di consulenza e formazione puoi contattare la SF Business Advisor

Entro 24 ore riceverai la soluzione ideale allo sviluppo della tua Impresa inerente la tua richiesta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Avvia la chat 📲
Come possiamo aiutarti?
Ciao! 😀
Come possiamo aiutarti?
Inviaci un messaggio e ti risponderemo in tempo reale...